Dall’ora solare all’ora legale: 5 effetti collaterali posted by on 30 marzo 2014


Il passaggio all’ora legale è un cambiamento che fa risparmiare energia elettrica, ma che per molti si traduce in fatica, stress e altri malesseri più seri. Le giornate con il buio ritardato sono infatti per molti un sollievo, ma c’è anche chi ci mette tempo ad abituarsi al cambiamento di orario e dice di sentirsi “scombussolato” per giorni o anche settimane.
La ricerca scientifica riguardo questa convenzione (adottata definitivamente in Italia nel 1966 dopo essere stata introdotta come misura per il risparmio energetico durante la prima e la seconda guerra mondiale) sembrerebbe dare ragione alla teoria che l’ora legale “fa male” alla salute.

1) Che la notte in cui entra in vigore l’ora legale si dorma un’ora di meno è un fatto ovvio. Il problema è che il periodo di transizione è per la maggior parte delle persone assai più lungo e vale sia per il passaggio dall’ora solare a quella legale sia viceversa. Si dorme meno e il sonno è più disturbato. Le più sensibili agli effetti tipo “jet lag” dell’ora legale pare siano le persone che tendono a svegliarsi più tardi; i mattinieri ne risentono di meno. Alcuni impiegano fino a tre settimane per abituarsi, per altri basta un giorno.

2) Meno sonno, o sonno disturbato, significa anche perdita di concentrazione e di produttività al lavoro.

3) È un fatto accertato che gli incidenti mortali diminuiscono nel periodo in cui è in vigore l’ora legale, probabilmente perché c’è più luce quando la gente è in strada. C’è però un’eccezione: il lunedì in cui l’ora legale entra in vigore. Quel giorno se ne registrano lo stesso numero o anche di più, probabilmente perché c’è più gente assonnata (e distratta) alla guida.

4) Secondo diversi studi, nella prima settimana di ora legale c’è un picco di attacchi di cuore. Si sa che il rischio di infarto è più alto al mattino rispetto ad altri momenti del giorno, probabilmente perché al risveglio il sistema cardiovascolare deve adattarsi rapidamente a vari cambiamenti. L’ora persa, forse, aggiunge stress a stress, e aumenta per le persone a rischio le probabilità di incorrere in un attacco. I medici suggeriscono a chi soffre di cuore di adattarsi gradatamente al cambio di orario, anche solo un quarto d’ora alla volta.

5) Uno studio condotto in Australia ha perfino riscontrato un aumento dei suicidi nelle prime settimane di ora legale, e in quelle successive al ritorno all’ora solare. Secondo i ricercatori, anche un piccolo cambiamento nei ritmi cronobiologici può portare a effetti devastanti nelle persone più vulnerabili.

Alcuni numeri relativi all’ora legale:
– 90 milioni di euro: il risparmio stimato per gli italiani.
– 1 su 2: i bambini che accusano disturbi del sonno a causa dell’ora legale.
– 50% e 50%: gli italiani favorevoli e quelli contrari all’ora legale. Ma, nel complesso, l’80% si dichiara più favorevole a tenerla sempre, per tutto l’anno.
– 210: il numero di giorni in cui l’ora legale è stata in vigore nel 2013. Stessa durata prevista per il 2014: è il 57,5% dell’anno.

 

Divergent posted by on 30 marzo 2014
 Dal 3 aprile al cinema   

   Azione, Avventura, Sentimentale   

TITOLO ORIGINALE:    Divergent
ANNO:    2014
PAESE:    USA
DURATA:    143 min.
FORMATO:    colore
PRIMA VISIONE:    21 marzo 2014 (USA)
PRODUZIONE:   Red Wagon Entertainment
DISTRIBUZIONE:     Eagle Pictures
REGIA:    Neil Burger
SCENEGGIATURA:    Evan Daugherty, Vanessa Taylor
CAST   Shailene Woodley, Theo James, Kate Winslet, Miles Teller, Jai Courtney, Zoe Kravitz, Ansel Elgort, Ray Stevenson, Ashley Judd, Tony Goldwyn, Maggie Q, Mekhi Phifer

   La pellicola è la trasposizione cinematografica dell’omonimo romanzo del 2011, scritto da Veronica Roth, primo di una saga costituita da tre libri.   

TRAMA:   In un futuro distopico l’umanità riesce a vivere in serenità dividendosi in fazioni, ognuna basata su un valore: la sapienza per gli Eruditi, la generosità per gli Abneganti, il coraggio per gli Intrepidi, la sincerità per i Candidi e l’amicizia per i Pacifici. Beatrice Prior, appartenente agli Abneganti, all’alba dei suoi sedici anni è chiamata, come i suoi coetanei, a scegliere di quale fazione fare parte per il resto della sua vita. Ma la vita di Beatrice cambierà per sempre quando scoprirà di non appartenere a una fazione, ma di essere una Divergente. Questa sua divergenza la renderà pericolosa agli occhi di molti e mettendo in pericolo la sua stessa vita e per salvarsi Beatrice potrà contare solo su Quattro, il suo istruttore tra gli Intrepidi.

[tube]https://www.youtube.com/watch?v=ZtNRlgiB88I[/tube]
Chicago è suddivisa in cinque frazioni consacrate ognuna a un valore: la sapienza per gli Eruditi, il coraggio per gli Intrepidi, l’amicizia per i Pacifici, l’altruismo per gli Abneganti e l’onestà per i Candidi. Beatrice deve scegliere a quale unirsi, con il rishio di rinunciare alla propria famiglia.      Notizie, Curiosità:      Le riprese del film terminano nel mese di aprile 2013 e si svolgono interamente a Chicago, dove è ambientata la storia del romanzo.   

   Durante le riprese pubbliche, per il film fu utilizzato il nome fittizio Catbird, per non far riconoscere il progetto reale   

   La Summit Entertainment acquisì i diritti della distribuzione statunitense prima che il romanzo uscisse in libreria ed opzionò anche i diritti per il film che verrà tratto dal secondo libro della saga Insurgent   

   Una trama ad incastri che si racconta come se fossimo in un videogioco, tra livelli da superare, difficoltà crescenti, visioni oniriche volutamente indotte e una vera e propria ‘classifica’ da scalare, da parte di un’adolescente travolta dai dubbi, perché incapace di capire il proprio reale io.   

Nymphomaniac – Volume 1 posted by on 29 marzo 2014
Dal 3 aprile al cinema   
  

   Drammatico, Erotico   

TITOLO ORIGINALE:    Nymphomaniac – Vol. 1
ANNO:    2014
PAESE:    Danimarca
DURATA:    110 min.
FORMATO:    colore
PRIMA VISIONE:   25 dicembre 2013 (Danimarca)
PRODUZIONE:   Zentropa Entertainments
DISTRIBUZIONE:     Good Films
REGIA:    Lars von Trier
SCENEGGIATURA:    Lars von Trier
CAST   Charlotte Gainsbourg, Stellan Skarsgård, Shia LaBeouf, Christian Slater, Willem Dafoe, Udo Kier, Jamie Bell, Stacy Martin, Uma Thurman, Connie Nielsen, Jesper Christensen, Jean-Marc Barr, Caroline Goodall, Kate Ashfield, Saskia Reeves, Nicolas Bro, Mia Goth

   Arriva, finalmente, anche nei nostri cinema, dopo mille polemiche e operazioni pubblicitarie, la pellicola scandalo di Lars Von Trier, “Nymphomaniac”. La prima parte del film (in tutto 300 minuti di pellicola) sarà composta da cinque capitoli (“The Compleat Angler”, “Jerome”, “Mrs. H”, “Delirium”, “The Little Organ School”)   

TRAMA:   In una fredda sera d’inverno, l’affascinante e maturo scapolo Seligman trova Joe, una giovane donna riversa in un vicolo, dopo essere stata picchiata. L’uomo decide di portarla nel suo appartamento, dove le cura le ferite e comincia a farle domande sulla sua vita. Con attenzione, Seligman si ritrova ad ascoltare le parole di Joe, intenta a raccontare in otto differenti capitoli la sua parabola erotica, dalla nascita fino a quel momento. Sfaccettata e ricca di aneddoti, quella della donna si rivela un’esistenza fatta di incontri e incidenti, di episodi immorali e di desideri da accontentare, di conflitti e di richieste poco convenzionali, che sconvolgeranno totalmente la vita di Seligman.

[tube]https://www.youtube.com/watch?v=7n0mbh8qVS0[/tube]
La sopravvissuta a se stessa Joe racconta al suo salvatore la storia della sua vita e di come sia diventata ninfomane. La vediamo giovanissima scopare ovunque e con chiunque, piangere sul letto del padre morente (con cui potrebbe sognare/avere un rapporto sessuale), innamorarsi dell’Uomo Qualunque, cercare l’armonia di Bach nella sintesi di tre amplessi ed infine teorizzare sul simbolismo di una forchetta. Un puzzle di situazioni/suggestioni incredibili che lasciano l’amaro in bocca nel momento in cui lo schermo sancise “Fin de Vol I”: coitus interruptus, perché se ne vuole ancora.   

   Il film riceve un giudizio positivo da parte della critica statunitense. Ottiene l’approvazione da parte della quasi totalità dei critici sul sito Rotten Tomatoes con una votazione dell’87%, mentre sul sito Metacritic registra un voto medio di 80/100   

   Notizie, Curiosità:   

   Le riprese sono durate dal 28 agosto al 9 novembre 2012. Il film è stato girato a Colonia e Hilden, in Germania ed in Belgio.   

   Il film è stato realizzato con un budget di 9.400.000 €   

   Nymphomaniac uscirà in due versioni: La prima versione è uscita in Danimarca il 25 dicembre. Questa versione durerà quattro ore.                                                                                                              

   La pellicola intera di cinque ore, e senza censure, passerà a febbraio fuori concorso al Festival di Berlino e allora sarà godimento allo stato puro poter monitorare i tagli compiuti per l’uscita regolare nelle sale. Con una fondamentale nota a margine: tagli e separazioni in Volumi nascono col consenso dell’autore, uomo d’Arte e di Parte, dunque capace di comprendere i vantaggi di una doppia operazione di lancio.   

   Entrambe le versioni saranno divise in due parti: la prima versione (della durata di 4 ore), uscirà in due parti da 2 ore, la seconda versione (della durata di 5 ore e mezza), uscirà in due parti, rispettivamente da 2 ore e mezza e da tre ore.   

   Per promuovere il film, sono state pubblicate quattordici locandine che ritraggono gli attori protagonisti all’apice di un orgasmo.   

   Il secondo capitolo uscirà in Italia il 24 aprile 2014