Misfits [Quinta Stagione] posted by on 29 maggio 2014
In onda dal 28 maggio 2014 su Rai 4   
  

   Fantascienza, Teen drama   

TITOLO ORIGINALE:    Misfits
PAESE:    Gran Bretagna
ANNO:    2009- 2013 -Conclusa
PRODUZIONE:    Clerkenwell Films
STAGIONI:    5
EPISODI:   8 (37 totali)
DURATA:   45 min episodio
IDEATORE:    Howard Overman
CAST:   Joseph Gilgun, Nathan McMullen, Karla Crome, Matt Stokoe, Natasha O’Keeffe, Nathan Stewart-Jarrett, Matthew McNulty, Lauren Socha, Antonia Thomas, Iwan Rheon, Robert Sheehan.

   In onda da mercoledì 28 maggio alle 24,00 su Rai 4   

   Racconta le avventure di 5 teenagers ‘difficili’ alle prese con un programma di lavori socialmente utili, durante il quale dopo una strana tempesta si ritrovano con dei poteri speciali.   

   Nessuno immaginerebbe che un temporale può cambiargli la vita. Invece è ciò che succede ad un gruppo di cinque ragazzi, costretti a prestare servizi di utilità sociale in un Community Center. Proprio mentre stanno prestando il loro primo giorno di lavoro, pena cui sono stati condannati a causa di comportamenti antisociali, sono colpiti da uno strano temporale, al termine del quale scoprono di essere dotati di superpoteri. Simon può diventare invisibile, Kelly riesce a leggere i pensieri degli altri, Alisha può scatenare la libido di chi la tocca, mentre Curtis può riavvolgere il tempo. Ma il superpotere più sensazionale, è quello toccato a Nathan, del quale questi si renderà conto, solo una volta finito sotto qualche metro di terra in quanto reputato morto: è immortale. Ma non solo loro, sono stati beneficiati dal temporale. Proprio dagli altri mutanti, i ragazzi dovranno guardarsi nel corso delle vicende che vengono scatenate nel corso degli episodi che caratterizzano una serie che è diventata un piccolo oggetto di culto, soprattutto presso il pubblico giovanile, quello che si può a giusta ragione riconoscersi nelle vicende del microcosmo oggetto della stessa.    



   Mandata in onda per la prima volta dal network britannico il 12 novembre 2009, Misfits ha subito riscosso un enorme successo di pubblico e critica, merito del plot alquanto ‘borderline’, di un linguaggio molto diretto e di scene molto forti. Annunciata da una massiccia campagna sul web, la serie s’ispira liberamente al soggetto di Misfits of Science, telefilm anni ottanta dell’americana NBC, che lanciò una giovanissima Courteney Cox. Il colorito mix di dramma generazionale, avventura fantastica e black humor di quest’acclamata produzione d’oltremanica si spinge però ben oltre i tradizionali limiti del prototipo, senza fare censura di sesso, violenza o altri argomenti tabù, come tossicodipendenze e devianza giovanile.   

Trama Quarta Stagione:   Kelly vive ormai in Uganda e Seth (che compare solo nei primi due episodi) la raggiungerà, abbandonando così la serie. Rudy e Curtis stanno ancora svolgendo il servizio cittadino. Nel frattempo, oltre ad un nuovo assistente sociale, arrivano due nuovi ragazzi al centro: Finn (che possiede il potere della telecinesi, anche se non lo controlla al meglio) e Jess (che può vedere attraverso le pareti). Durante il corso della stagione apparirà un “terzo” Rudy, violento e sadico, molto diverso dagli altri due, che era finito in prigione in seguito ad un’aggressione, inoltre nel quarto episodio si assiste alla morte di Curtis, suicidatosi dopo i vari avvenimenti accaduti nel corso della puntata. Nel corso degli ultimi due episodi si aggiungerà al gruppo (ormai composto da Rudy, Finn e Jess) una ragazza di nome Abbey, di personalità molto ambigua e apparentemente senza un potere. La stagione si conclude con la morte della suora di cui si era innamorato Rudy, Nadin, a scopo di salvare la vita agli altri ragazzi.



TRAMA QUNTA STAGIONE:   Nonostante siano passati ormai cinque anni (e cinque stagioni), la stagione finale inizierà solo un anno dopo la tempesta che ha dotato Nathan, Kelly, Alisha, Simon e Curtis di poteri straordinari. I protagonisti di questi ultimi otto episodi sono Rudy (Joe Gilgun), Finn (Nathan McMullen), Alex (Matt Stokoe), Abbey (Natasha O’Keeffe) e Jess (Karla Crome), alle prese con un gruppo di sostegno per le persone che non sono felici di avere superpoteri. Sarà proprio Rudy il primo a partecipare a questo gruppo: scoprirà un futuro decisamente diverso per i suoi amici, un futuro che potrebbe cambiare le cose per sempre.



   Il cast di Misfits è stato progressivamente rinnovato nel corso delle cinque stagioni. Se tra la seconda e la terza a salutare i compagni è stato Nathan, al termine della terza hanno detto addio Alisha, Kelly e Simon. L’unico sopravvissuto dei cinque protagonisti originari è Curtis che, dalla terza stagione, è stato affiancato dal disinvolto Rudy (Joseph Gilgun), capace di clonarsi assumendo più identità. Nel quarto ciclo di episodi entrano in scena Jess (Karla Crome) e Finn (Nathan McMullen). La prima ha la vista a raggi X, mentre il secondo ha il potere della telecinesi.    

   Il brano che costituisce la sigla iniziale è Echoes dei The Rapture, mentre gli altri brani sono di vari artisti contemporanei e non, che spaziano tra pop, rock, elettronica, techno e strumentale da orchestra   

   La serie ha vinto il premio BAFTA come miglior serie drammatica del 2010   

   Wertham, il quartiere di Londra in cui è ambientata la serie, non esiste nella realtà. Le riprese hanno luogo a Thamesmead, tra i sobborghi di Greenwich e Bexley, principalmente nei pressi del lago Southmere. Si tratta dello stesso set usato da Stanley Kubrick in alcune scene di Arancia meccanica.   

   Dopo la conclusione della seconda stagione, il successo di Misfits nel Regno Unito ma anche a livello internazionale incoraggiò l’ideatore Howard Overman a esportare il suo format oltreoceano, per lo sviluppo di un adattamento per la tv americana. Il progetto, attualmente ancora alle fasi iniziali, è nelle mani dell’ideatore di OC, Chuck e Gossip Girl Josh Schwartz e della sua storica collega Stephanie Savage.   

   Prima della terza serie c’è il webepisode Vegas Baby, che per primo introduce Rudy e dice addio a Nathan lasciandolo al suo destino in quel di Las Vegas.   

   La quinta stagione sarà l’ultima per gli anti-eroi di Wertham.   

Modifica post

Orphan Black [Prima Stagione] posted by on 29 maggio 2014
In onda dal 3 giugno 2014 su Premium Action   
  

   Fantascienza, Drammatico   
TITOLO ORIGINALE:    Orphan Black
PAESE:    Canada, USA
ANNO:    2013 – in produzione
PRODUZIONE:    Temple Street Productions
STAGIONI:    1
EPISODI:   10
DURATA:   43 min episodio
IDEATORE:    Graeme Manson, John Fawcett
CAST:   Tatiana Maslany, Jordan Gavaris, Dyaln Bruce, Kevin Hanchard, Michael Mando, Maria Doyle Kennedy   In onda da martedì 3 giugno alle 21,15 su Premium Action   

   Orphan Black  tratta del problema etico e morale della clonazione umana.   

Sarah ha sempre vissuto la sua vita da orfana solitaria … ma un clone non è mai solo… Sarah un giorno assiste al suicidio di una donna che le assomiglia come una goccia d’acqua. Sarah assume la sua identità, vive la sua vita, ha rapporti col suo fidanzato e soprattutto ha accesso al suo conto in banca: l’obiettivo della ragazza, infatti, è quello di poter ripulire il conto corrente della donna morta in modo da risolvere tutti i suoi problemi e scappare con sua figlia Kira e il suo amico Felix. Invece, i suoi problemi si moltiplicano: Beth, la sua gemella, non è l’unica copia che ha. Al mondo ci sono tante ragazze uguali a lei, veri e propri cloni, C’è di peggio: qualcuno è stato pagato per ucciderle tutte…   



   La storia ruota attorno a un gruppo di cloni che cercano di scoprire la loro origine e chi li sta minacciando. C’è Sarah, la protagonista, una poco di buono rockettara con un unico amore nella sua vita: la figlia Kira. Alison, classica borghese bacchettona che sembra uscita da Desperate Housewives. Cosima, genio del computer con occhialoni da nerd e dreadlock. Helena, cresciuta in un convento ucraino e addestrata per uccidere gli altri cloni. E Rachel, che lavora per una misteriosa organizzazione scientifica.   


   Quando ha debuttato  a marzo 2013, Orphan Black era uno show di fantascienza semi-sconosciuto, budget ridotto, ascolti relativamente bassi (una media di 660 mila spettatori), e un’attrice altrettanto poco famosa. Ma brava. Episodio dopo episodio, clone dopo clone, gli spettatori hanno iniziato a parlare della performance della Maslany. Il seguito di fan è cresciuto a dismisura grazie al passaparola sui social media. Risultato: il finale di stagione ha superato i tweet di Homeland e The Good Wife. E nelle dieci settimane successive, i post su Tumblr relativi alla serie sono aumentati del 300 per cento.    

   Orphan Black è già  rinnovata per la seconda stagione, in USA cominciata il 19 aprile 2014   

   Le riprese della prima stagione si svolsero a Toronto dal 23 ottobre 2012 al 12 febbraio 2013   

   Per interpretare 10 diversi ruoli e cambiare ogni volta look, trucco e personalità, l’attrice si è aiutata sul set ascoltando 10 differenti stili musicali, dal rock classico al metal.   

   Il 17 settembre 2012 fu annunciato che Tatiana Maslany avrebbe interpretato il ruolo della protagonista Sarah Manning e di vari altri cloni.  Le riprese delle scene in cui compaiono più cloni sono facilitate dall’uso di carrelli in grado di memorizzare il movimento di una telecamera, il quale viene quindi replicato perfettamente nelle riprese aggiuntive per aggiungere i vari cloni   

   La serie ha ottenuto diversi riconoscimenti, rivolti principalmente alla protagonista Tatiana Maslany. Per le sue varie interpretazioni dei numerosi cloni l’attrice è stata acclamata dalla critica. Tim Goodman sul The Hollywood Reporter giudicò «fantastica» la sua performance, descrivendo la sua mancata candidatura ai premi Emmy 2013 come «la più scandalosa trascuratezza» tra le nomination di quell’anno.   

   Nella seconda stagione, Sarah scoprirà di più su chi l’ha creata, e ci sarà un nuovo clone, Jennifer, un’insegnante di liceo e allenatrice di nuoto.   

Goool! (Metegol) posted by on 28 maggio 2014
Dal 29 maggio al cinema   
 

   Animazione, Avventura   

TITOLO ORIGINALE:    Metegol
ANNO:    2013
PAESE:    Spagna, Argentina
DURATA:    106 min.
FORMATO:    Colore, 3D
PRIMA VISIONE:   18 luglio 2013 (Argentina)
PRODUZIONE:   100 Bares, 369 Productions, Antena 3
DISTRIBUZIONE:     Koch Media
REGIA:    Juan José Campanella
SCENEGGIATURA:    Juan José Campanella, Gastón Gorali, Eduardo Sacheri
VOCI ORIGINALI:   Rupert Grint, Anthony Head, Juan José Campanella.

   Pellicola dell’argentino Juan Josè Campanella, vincitore dell’Oscar come miglior film straniero con Il segreto dei suoi occhi  (2009). Datosi all’animazione, sua passione da sempre, fa diventare animati e non più ancorati a una sbarra di ferro gli omini del biliardino.    

Amadeo è un giovane che ha degli amici un po’ strani e una altrettanto particolare abilità: è il miglior giocatore di biliardino di sempre. Nel piccolo villaggio in cui vive, non c’è nessun avversario abbastanza valido da sconfiggerlo. Ma un bel giorno la routine di Amadeo viene, improvvisamente, sconvolta dal ritorno di “Grosso”, un suo coetaneo che torna al villaggio per vendicarsi di una partita a calcio balilla persa contro Amadeo dieci anni prima. Il suo unico obiettivo è quello di sconfiggere Amadeo e portargli via tutte le cose a lui care: il bar nel quale lavora, il suo biliardino, la sua amata Laura e persino il villaggio, per trasformarlo in un parco a tema e in uno stadio a lui dedicato. Ma mentre il villaggio viene demolito, qualcosa di straordinario accade ad Amadeo: gli omini del suo amato, e ormai smantellato, biliardino, prendono vita, pronti ad aiutarlo a ricostruire il mondo che ha perso.

 

 Una trama curiosa, per un cartoon ‘calcistico’ che effettivamente mancava dalla lunga lista di titoli animati visti in sala nell’ultimo decennio. Il 3D alterna momenti di buona e stupefacente profondità ad altri di impalpabile esistenza, il film mette in risalto l’imprevedibilità dello sport, qui metafora di una vita che può in qualunque momento ribaltare il campo andando a vincere un match apparentemente perso, se a trainarti verso la porta avversaria sono valori come l’onestà, l’amicizia, l’amore e la passione. Credere in se’ stessi, credere nell’impossibile, credere in un cambiamento che appare inimmaginabile, sconfiggendo automaticamente paure e complessi di inferiorità.    

   Presentato fuori concorso al Festival Internazionale del Film di Roma 2013.   

   Con 21 milioni di dollari di budget è il film più costoso della storia in Argentina, dove critica e botteghino (è uscito l’anno scorso e ha sbancato ogni record) lo hanno accolto benissimo.   

   Ispirata al racconto “Memorie di un’ala destra” di Roberto Fontanarrosa e supervisionata da Sergio Pablos, membro del team creativo di Cattivissimo Me   

   Goool!, è stato presente alla XVI edizione del Future Film Festival (1/6 aprile 2014). Ha fatto così il suo debutto a Bologna prima dell’uscita nazionale   

   In una scena di Goool!, si vede un gruppo di elicotteri volare al suono della Cavalcata delle Valchirie, chiaro rimando alla corrispondente scena di Apocalypse Now.   

      

   Dal 18 maggio all’08 giugno, 7 diversi soggetti invaderanno le continuity di Cartoon Network e Boing con divertenti animazioni per annunciare l’uscita al cinema del film con ident countdown da 10’’,e formati da 15” e 30’’. Giorno dopo giorno, i simpatici protagonisti del film riveleranno su entrambe le reti contenuti inediti e divertenti. Le rubriche di cinema come “Ciak Time” su Cartoon Network e “Al Cinema” su Boing sveleranno in esclusiva per il pubblico dei due canali televisivi i retroscena e gli effetti speciali del film d’animazione. L’iniziativa speciale è stata veicolata anche sui siti web dei due canali televisivi cartonnetwork.it e boingtv.it: qui sarà possibile giocare con i protagonisti del film, attraverso un formato speciale di Masthead video pushdown che consentirà di scaricare la mobile app dedicata di Goool! e vedere il trailer del film.