L’amore rubato posted by on 29 novembre 2016

Il 29 e 30 novembre 2016 al cinema

L’amore rubato

Drammatico


TITOLO ORIGINALE: L’amore rubato
ANNO: 2016
PAESE: Italia
DURATA: 60 min.
FORMATO: colore
USCITA ORIGINALE: 29 novembre 2016 (Italia)
PRODUZIONE: Anthos, Rai Cinema
DISTRIBUZIONE: Microcinema
REGIA: Irish Braschi
SCENEGGIATURA: Giancarlo De Cataldo, Giorgia Cecere
CAST: Elena Sofia Ricci, Stefania Rocca, Gabriella Pession, Chiara Mastalli, Francesco Montanari, Alessandro Preziosi, Elisabetta Mirra, Emilio Solfrizzi, Antonello Fassari, Massimo Poggio, Antonio Catania, Daniela Poggi, Cecilia Dazzi, Luisa De Santis, Emanuel Caserio

L’amore Rubato, film liberamente tratto dall’omonimo romanzo di Dacia Maraini e composto di cinque storie di abusi sulle donne, tutte ispirate a fatti realmente accaduti.

La prima scena si apre con Marina, interpretata da Stefania Rocca, una giovane mamma che arriva di corsa in Pronto Soccorso perché si è rotta un braccio. Almeno così dicono lei e il marito al medico di turno. Per Marina l’amore ha sempre significato sottostare alle regole di Luigi, che ha il volto di Alessandro Preziosi, un professionista rispettato e maniaco del controllo. Ma da quando c’è suo figlio Giacomo, Marina sta scoprendo un’altra forma di amore, più profonda, più istintiva e che forse la salverà. La seconda donna che incontriamo è Francesca, 15 anni e l’aria spensierata di un’adolescente alle prime cotte. Le sue giornate trascorrono tra le interrogazioni al liceo e un pomeriggio al mare, che però si trasforma in un incubo, quando un gruppo di compagni di classe abusa ripetutamente di lei. La riprendono con uno smartphone che si trasforma in un’arma tagliente e feroce, tra ricatti e video rubati. Elena Sofia Ricci interpreta Angela, una donna stanca di stare da sola. Un giorno in spiaggia incontra Gesuino, un uomo timido che passa il suo tempo ad allenarsi. Tra loro l’intesa che nasce è all’inizio romantica, delicata, inaspettata: ma le attenzioni premurose dell’uomo mutano ben presto in gelosia, telefonate continue, scatti d’ira che sfociano in una vera e propria aggressione. Hanno più o meno la stessa età ma non si sono mai incontrate, Alessandra e Anna, le ultime due protagoniste del film. Alessandra vive in palazzone di periferia con la nonna e il fratellino e lavora in una piscina come addetta alle pulizie, mentre Anna sta inseguendo il proprio sogno, calcare i palchi dei teatri più importanti come attrice. Ma i suoi Giorni Felici stanno per diventare un ricordo. Da qualche mese infatti è andata a vivere con Il Moro, una rockstar molto famosa. Due giovani donne diametralmente opposte per stili di vita e interessi ma accomunate da un identico feroce destino: Alessandra, violentata dal suo datore di lavoro, sarà costretta ad abortire, mentre Anna, sprofondata in un vortice di scatti d’ira e pestaggi continui, vedrà lentamente spegnersi i suoi sogni e il suo futuro

Cinque ritratti femminili, per età ed estrazione sociale, che ci mostrano che alla violenza bisogna sempre dire no. Perché chi, se non il cinema, può veicolare messaggi importanti e mantenere sempre viva l’attenzione su una delle emergenze sociali più attuali: intrecciando cinque storie di abuso accomunate dall’esperienza di un amore malato, per dare vita a un unico grande affresco. Che affonda nel quotidiano, rielaborando fatti di cronaca realmente accaduti. Un dramma che non fa distinzioni, ma tema trasversale che interessa l’Italia come tutto il mondo e al quale ancora oggi non si è riuscito a porre rimedio.

Il film sarà nelle sale il 29 e 30 novembre, e l’incasso devoluto all’associazione We World che promuove e difende i diritti dei bambini e delle donne in Italia e nel Mondo, per poi essere proiettato nelle scuole.

La cena di Natale posted by on 22 novembre 2016

dal 24 novembre 2016 al cinema

La cena di Natale

Commedia


TITOLO ORIGINALE: La cena di Natale
ANNO: 2016
PAESE: Italia
DURATA: 95 min.
FORMATO: colore
USCITA ORIGINALE: 24 novembre 2016 (Italia)
PRODUZIONE: I.I.F. Italian International Film
DISTRIBUZIONE: 01 Distribution
REGIA: Marco Ponti
SCENEGGIATURA: 0
CAST: Riccardo Scamarcio, Laura Chiatti, Michele Placido, Maria Pia Calzone, Antonella Attili, Eugenio Franceschini, Antonio Gerardi, Veronica Pivetti, Eva Riccobono, Dario Aita, Giulia Elettra Gorietti, Uccio De Santis, Crescenza Guarnieri, Ivana Lotito, Angelo De Matteis

Il film è il sequel di Io che amo solo te del 2015. A un anno di distanza, tornano al cinema i personaggi di “Io che amo solo te”, che si troveranno di nuovo insieme, questa volta per la cena di Natale. In una innevata Polignano a Mare, tra test di gravidanza, ansiolitici, isterismi e colpi di scena, l’atmosfera sarà ancora più agitata del solito.

Una Vigilia magica, con la presenza silenziosa e speciale della neve che imbianca la splendida Polignano a mare, dove tutti però sono più agitati del solito. La più sconvolta è Matilde che riceve un anello con smeraldo da Don Mimì, suo marito, “colpevole” di averla troppo trascurata negli ultimi tempi. Lei si esalta a tal punto da improvvisare un cenone per quella stessa sera nella loro grande casa, soprannominata con modestia il “Petruzzelli”, in cui ci si muove con l’ascensore e dove troneggia un albero di Natale alto quattro metri. L’obiettivo di Matilde è chiaro: sfidare davanti a tutti Ninella, la consuocera, il grande amore di gioventù di suo marito. E Ninella non si lascia intimidire, anche se ha sbagliato la tinta optando per un poco riuscito “biondo Kidman” ed è molto infastidita dalla presenza della Zia Pina. Quella sera, alla stessa tavola imbandita si siederanno, tra gli altri: Chiara, incinta di 8 mesi, e suo marito Damiano, che forse di donne ne ha messe incinta due! Nancy diciassettenne ossessionata dalla verginità; Orlando avvocato gay, che sta tentando di dare un bimbo alla sua migliore amica lesbica, Daniela mentre viene corteggiato da Mario…

Le storia d’amore tra Chiara (Laura Chiatti) e Damiano (Riccardo Scamarcio) è entrata nel cuore della gente. Io che amo solo te, tratto dall’omonimo romanzo di Luca Bianchini, e diretto da Marco Ponti, lo scorso anno era andato bene: oltre tre milioni di euro di incasso. Era inevitabile che le loro vicende continuassero. Ecco allora La cena di Natale (dal 24 novembre nelle sale), firmato e interpretato dagli stessi autori e attori, con qualche novità. Questa volta a Polignano a Mare nevica. Chiara è all’ottavo mese di gravidanza, Damiano non le dedica un minuto, è troppo indaffarato con l’azienda del padre (Michele Placido) e con l’amante (Giulia Elettra Gorietti). Anche Don Mimì (Placido) è tra due fuochi: la moglie Matilde (Antonella Attili) e Ninella (Maria Pia Calzone), madre di Chiara, l’amore di una vita andato a rotoli. Ce la farà questa volta a risolvere i suoi problemi di cuore? E soprattutto, riuscirà Chiara a perdonare Damiano? Misteri di una commedia sentimentale che il regista dedica a Bud Spencer, «i suoi film mi hanno fatto innamorare del cinema», rivela Ponti.

I titoli di coda scorrono sulle note del brano di Emma Marrone ‘Quando le canzoni finiranno’. Il videoclip è stato girato da Marco Ponti

Le riprese si svolte a Polignano a mare, il paese natale di Domenico Modugno, per l’occasione imbiancato da una provvidenziale nevicata cinematografica.

La pancia della Chiatti, per coincidenza incinta all’ottavo mese esattamente come il suo personaggio, creato da Luca Bianchini, che è autore dei best-seller da cui sono stati tratte le due pellicole.

Come diventare grandi nonostante i genitori posted by on 22 novembre 2016

dal 24 novembre 2016 al cinema

Come diventare grandi nonostante i genitori

Commedia


TITOLO ORIGINALE: Come diventare grandi nonostante i genitori
ANNO: 2016
PAESE: Italia
DURATA: 90 min.
FORMATO: colore
USCITA ORIGINALE: 24 novembre 2016 (Italia)
PRODUZIONE: 3zero2
DISTRIBUZIONE: Disney Italia
REGIA: Luca Lucini
SCENEGGIATURA: Gennaro Nunziante
CAST: Margherita Buy, Giovanna Mezzogiorno, Matthew Modine, Sergio Albelli, Ninni Bruschetta, Paolo Calabresi, Giovanni Calcagno, Roberto Citran, Francesca De Martini, Gabriella Franchini, Paolo Pierobon, Federico Russo, Sara D’Amario, Elena Lietti, Aglaia Mora

Film sul complicato rapporto tra adolescenti e genitori

In un liceo giunge la nuova preside, che appena arrivata decide di non aderire al concorso scolastico nazionale per gruppi musicali. Per i ragazzi appassionati di musica è un duro colpo. Quando i loro genitori andranno a protestare per la decisione presa, la preside arriverà persino a raddoppiare il carico di lavoro quotidiano per i ragazzi. Dopo i primi voti bassi, i genitori consigliano prudentemente ai ragazzi di sottostare alle decisioni della nuova preside. Tuttavia i ragazzi, con orgoglio, decidono di iscriversi al concorso musicale pur avendo contro scuola e genitori. La sfida pare impossibile e invece porterà i ragazzi a crescere in modo sorprendente tra ostacoli di ogni tipo da superare.

Sempre più spesso i genitori assumono comportamenti competitivi verso i professori dei propri figli: contestano voti e programmi, vaneggiano di simpatie, antipatie e complotti. Così, invece di aiutarli nella formazione dei loro ragazzi, diventano ostacoli insormontabili alla loro crescita. Presuntuosamente pensano: “Noi conosciamo meglio di chiunque altro i nostri figli e sappiamo quanto valgono e come e cosa gli si deve insegnare”. E’ quello che accade anche ai ragazzi di “Come diventare grandi nonostante i genitori”

Il film vede la presenza di diversi giovani talentuosi attori, come Emanuele Misuraca, Chiara Primavesi, Toby Sebastian e alcuni volti noti dell’amata serie Tv Alex & Co. Leonardo Cecchi, Eleonora Gaggero, Saul Nanni, Federico Russo e Beatrice Vendramin.