Coglie un fiore, rischia 3 anni posted by on 27 febbraio 2014

 

Coglie un fiore, rischia 3 anni

 

Una piccola dimostrazione d’amore, raccogliere un fiore e donarlo alla propria donna…esistono ancora uomini capaci di certi slanci d’affetto? Probabilmente sì ma magari da ora in poi si guarderanno bene dal farlo.
Giunge infatti da Roma una notizia che ha dell’incredibile. Si possono rischiare tre anni di carcere per aver raccolto un fiore? A quanto pare sì.
Il fatto risale a giugno del 2013, quando El Israel, un cittadino etiope di 39 anni che vive a Roma da tanti anni, in pieno centro a Roma, in via Lanza, vicino alla fermata della metropolitana Cavour, pensando in un gesto romantico, ha raccolto da un’aiuola un fiore di oleandro per regalarlo alla fidanzata che lo aspettava di fronte alla stazione Termini. Il suo gesto, però, forse un po’ maldestro, ha danneggiato la pianta, spezzandone due rametti. L’uomo è stato visto da due agenti che lo hanno fermato e denunciato a piede libero per danneggiamento aggravato; nel capo d’accusa si legge: “ha danneggiato, spezzando i rami, un oleandro posto a ridosso di una aiuola decorativa. Con l’aggravante di aver commesso il fatto su un bene esposto per necessità e consuetudine alla pubblica fede”.
Cogliere fiori da un giardino pubblico non è un atto di cavalleria, né al contrario, di superficialità o maleducazione: per la legge è semplicemente un reato. “Danneggiamento aggravato”, spiega Gianluca Arrighi, l’avvocato di El Israel. “Il codice di procedura penale per i maggiorenni non prevede l’irrilevanza del fatto, come avviene per chi ha meno di 18 anni. Il danneggiamento è ‘aggravato’ perché l’ ‘oggetto’ rovinato – la pianta di oleandro – si trova su una strada pubblica”.

L’inchiesta è andata avanti per parecchio ed il 15 febbraio sarebbe incominciato il processo vero e proprio dopo una serie di denunce e contro denunce. L’uomo rischia dai 6 mesi ai 3 anni di carcere. El Israel oggi vive a Firenze. Dopo la denuncia ha deciso di lasciare Roma. In Italia, fiori a parte, non ha mai commesso un reato: è incensurato.
Ora rischia di perdere tutto, compreso il permesso di soggiorno.

Insomma a volte in Italia si dà più importanza a casi come questo rispetto a condanne di omicidio o azioni della mafia.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

:bye:
 
:bye:
:good:
 
:good:
:negative:
 
:negative:
:scratch:
 
:scratch:
:wacko:
 
:wacko:
:yahoo:
 
:yahoo:
B-)
 
B-)
:heart:
 
:heart:
:rose:
 
:rose:
:-)
 
:-)
:whistle:
 
:whistle:
:yes:
 
:yes:
:cry:
 
:cry:
:mail:
 
:mail:
:-(
 
:-(
:unsure:
 
:unsure:
;-)
 
;-)