Apes Revolution – Il pianeta delle scimmie posted by on 28 luglio 2014

Dal 30 luglio al cinema

Azione, Drammatico


TITOLO ORIGINALE: Dawn of the Planet of the Apes
ANNO:
PAESE: USA
DURATA: 130 min.
FORMATO: 2D e 3D
PRIMA VISIONE: 11 Luglio 2014 (USA)
PRODUZIONE: Chernin Entertainment
DISTRIBUZIONE: 20th Century Fox
REGIA: Matt Reeves
SCENEGGIATURA: Mark Bomback, Scott Z. Burns, Rick Jaffa, Amanda Silver
CAST: Andy Serkis, Jason Clarke, Gary Oldman, Keri Russell, Toby Kebbell, Kodi Smit-McPhee, Enrique Murciano, Judy Greer, Kirk Acevedo

Il film è il sequel de L’alba del pianeta delle scimmie uscito del 2011, ambientato 15 anni dopo gli eventi del film precedente.

“Attraverso la performance capture Andy Serkis torna a essere Cesare, scimpanzé dall’intelligenza evoluta grazie alla sperimentazione su di lui di un farmaco, progettato per curare l’Alzheimer ma rivelatosi mortale per l’uomo. All’indomani della quasi totale autodistruzione del genere umano a causa di tale virus, in un desolato futuro distopico, la nuova nazione di scimmie geneticamente evolute, guidata da Cesare, è minacciata da una banda di umani sopravvissuti alla devastazione di un decennio prima. Dopo aver raggiunto una fragile tregua, di breve durata, entrambe le parti vengono spinte sull’orlo di un conflitto che determinerà quale specie emergerà per dominare il pianeta. Il principale contatto umano di Cesare è con Malcolm, interpretato da Jason Clarke. Ex architetto che ha perso la moglie, rimasto da solo a crescere il figlio adolescente, Malcolm ha il disperato bisogno di mantenere la speranza di stabilità trovata nella piccola colonia di sopravvissuti a San Francisco, dove ha iniziato una relazione con Ellie (Keri Russell), infermiera che si sta impegnando duramente per ricostruire la sua vita.
Il leader della colonia umana è Dreyfus, ex agente nei cui panni c’è Gary Oldman.

[TUBE] https://www.youtube.com/watch?v=KDlyi24LL4w[/TUBE]

Giusto per rimarcare che il brand nato nel 1968 con il classico di Franklin J. Schaffner, e continuato fino ai giorni nostri con altri sette film, non ha perso un briciolo di attualità e presa sul pubblico. Eppure in pochi si sarebbero aspettati una simile accoglienza per un blockbuster che, è bene ricordarlo, non ha nessuna star di primo piano da sfoggiare sulla locandina e affonda le sue radici in un film di 46 anni fa che da allora a oggi non ha mai trovato un seguito o un reboot di pari bellezza. Apes Revolution prosegue il rilancio del franchise de Il pianeta delle scimmie, con Matt Reeves al timone al posto di Ruper Wyatt: 3D nativo e performance capture per la prima volta in esterni, per un blockbuster intelligente dove gli effetti speciali sono al servizio della storia. E il protagonista non umano è una scimmia da premio Oscar.

Blockbuster fatto con il cervello, effetti speciali straordinari al servizio della storia dove non mancano azione e tensione all’insegna del realismo, ma che è anche e soprattutto una profonda riflessione sulla natura umana. Andy Serkis per la prima volta con la performance capture in esterni regala la miglior interpretazione di un personaggio non umano mai vista al cinema.

Apes Revolution – Il pianeta delle scimmie ha già incassato in mezzo mondo 240 milioni di dollari in poco più di sette giorni, ma mancano ancora all’appello diversi mercati tra cui quello sudamericano e mezza Europa continentale.

Lo sceneggiatore e produttore Rick Jaffa ha confermato che nel film sono presenti numerosi dettagli atti ad introdurre un seguito, compresa una versione dell’astronave comparsa nel film del 1968

Le riprese sono iniziate nell’aprile 2013 attorno al Campbell River, nella Columbia Britannica. L’Isola di Vancouver è stata scelta per la sua somiglianza con i luoghi raffigurati nel film, le foreste e la varietà di paesaggi. le riprese sono continuate a maggio a New Orleans.

Il film ha chiuso la 36ª edizione del Festival cinematografico internazionale di Mosca, il 28 giugno 2014.

“Before the Dawn of the Apes è una serie composta da 3 cortometraggi che raccontano i 15 anni che passano tra L’alba del pianeta delle scimmie e Apes Revolution – Il pianeta delle scimmie, spiegando come si è diffuso il virus che ha decimato l’umanità. Per il momento sono disponibili solo in lingua inglese:


Spread of Simian Flu – Year 1: seguiamo una madre che nel mezzo del focolaio virale viene messa in quarantena dopo essere risultata positiva al virus ed è così costretta ad abbandonare il marito e la figlia.

Struggling to Survive – Year 5: sono trascorsi cinque anni da quando l’Influenza Scimmiesca ha quasi spazzato via l’umanità, e seguiamo un’adolescente orfana che sopravvive barattando cose che ha rubato da case appartenute alle vittime del virus.

Story of the Gun – Year 10: seguiamo il viaggio di un fucile che passa tra le mani di diversi proprietari mentre sullo sfondo si delinea la devastazione portata dal virus.

Lo script originale per L’alba del pianeta delle scimmie vedeva Will morire, quella scena è stata girata ma tagliata dal montaggio finale. Il produttore Dylan Clark l’ha descritta come una brutta giornata di riprese descrivendo la scena come troppo “forzata” e “poco convincente” per adattarsi al finale del film.

Il linguaggio delle scimmie è solo semi-evoluto e sfrutta un mix di linguaggio dei segni e gesti, così come grugniti e alcune parole. Si tratta di un punto a metà strada tra quello che abbiamo visto in L’alba del pianeta delle scimmie e ciò che accade nella serie di film originali  in cui le scimmie parlano fluentemente.

Caesar ha una compagna, Cornelia, interpretata da Judy Greer. Insieme hanno un neonato e un figlio di nome River che ha circa 15 anni in anni umani. Il film tratterà il rapporto padre / figlio e di come River imparerà ad assumersi responsabilità, a sviluppare le proprie convinzioni e a crescere come un futuro leader.

Gli attori hanno partecipato ad un campo di addestramento “scimmie” per due settimane e mezzo prima dell’inizio delle riprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

:bye:
 
:bye:
:good:
 
:good:
:negative:
 
:negative:
:scratch:
 
:scratch:
:wacko:
 
:wacko:
:yahoo:
 
:yahoo:
B-)
 
B-)
:heart:
 
:heart:
:rose:
 
:rose:
:-)
 
:-)
:whistle:
 
:whistle:
:yes:
 
:yes:
:cry:
 
:cry:
:mail:
 
:mail:
:-(
 
:-(
:unsure:
 
:unsure:
;-)
 
;-)