scritta-nataleneve
L’uomo di neve posted by on 10 ottobre 2017

dal 12 ottobre 2017 al cinema

L’uomo di neve

Thriller


TITOLO ORIGINALE: The Snowman
ANNO: 2017
PAESE: Regno Unito
DURATA: 125 min.
FORMATO: colore
USCITA ORIGINALE: 13 ottobre 2017 (UK)
PRODUZIONE: Perfect World Pictures, Universal Pictures, Working Title Films
DISTRIBUZIONE: Universal Pictures
REGIA: Tomas Alfredson
SCENEGGIATURA: Hossein Amini, Peter Straughan
CAST: Michael Fassbender, Rebecca Ferguson, Charlotte Gainsbourg, Val Kilmer, J.K. Simmons, Chloë Sevigny, Toby Jones, James D’Arcy, Jamie Clayton, Jakob Oftebro, Sofia Helin, Ronan Vibert

Film tratto da uno dei romanzi della popolarissima serie di Harry Hole scritta dal norvegese Jo Nesbø. L’uomo di neve, vede Harry Hole alle prese con un serial killer che se la prende con madri single e i loro figli.

Nella città di Oslo quando i primi fiocchi cadono, alcune donne spariscono nel nulla e misteriosi pupazzi di neve compaiono a sorvegliare le strade. L’uomo di neve segue le indagini del detective Harry Hole (Michael Fassbender), a capo di una squadra speciale della polizia di Oslo incaricata di investigare su una serie di omicidi locali. Dopo l’ennesima sparizione, avvenuta durante la prima nevicata dell’anno, Hole scopre interessanti collegamenti con alcuni casi irrisolti vecchi di vent’anni: la cornice invernale, la vittima designata, il pupazzo di neve sulla scena del crimine, tutti elementi che richiamano i metodi di un elusivo serial killer. Con l’aiuto di una giovane e brillante recluta, il poliziotto dovrà unire i puntini per svelare il disegno nascosto dietro le frequenti sparizioni, prima che la neve torni a imbiancare le strade e cancelli ogni traccia dell’assassino.

Quarta indagine del detective Harry Hole, L’uomo di neve, nato dalla penna di Jo Nesbø nel 2007, segna la prima apparizione cinematografica del poliziotto di Oslo e gli attribuisce le fattezze di Michael Fassbender, irlandese di origine tedesca. Il romanzo, pur trovandosi al centro di una serie di libri, è perfettamente autonomo e lo stesso varrà, a maggior ragione, per il film.

Le riprese del film sono iniziate a gennaio 2016 in Norvegia, nelle città di Drammen, Oslo e Bergen e nell’area di Rjukan.

Come ti ammazzo il bodyguard posted by on 5 ottobre 2017

dal 5 ottobre 2017 al cinema

Come ti ammazzo il bodyguard

Azione, commedia


TITOLO ORIGINALE: The Hitman’s Bodyguard
ANNO: 2017
PAESE: USA
DURATA: 118 min.
FORMATO: colore
USCITA ORIGINALE: 18 agosto 2017 (USA)
PRODUZIONE: Summit Entertainment, Millennium Films, Cristal Pictures, East Light Films, CG Films
DISTRIBUZIONE: Eagle Pictures
REGIA: Patrick Hughes
SCENEGGIATURA: Tom O’Connor
CAST: Ryan Reynolds, Samuel L. Jackson, Salma Hayek, Elodie Yung, Kirsty Mitchell, Joaquim de Almeida, Sam Hazeldine, Joséphine de La Baume, Ori Pfeffer

Chi lo ha detto che un sicario non possa far ridere? In Come ti ammazzo il bodyguard c’è molto sangue e, soprattutto, tanto, tantissimo divertimento.

Michael Bryce (Ryan Reynolds), una delle migliori guardie del corpo su piazza, è caduto in disgrazia a causa di un tragico incidente “sul lavoro”: due anni prima un cliente giapponese è morto sotto la sua protezione e da allora Bryce non ha più accettato missioni e incarichi ad alto rischio. Questa volta però, l’uomo da tenere al sicuro è l’ex assassino prezzolato Darius Kincaid (Samuel L. Jackson), detestato nemico di lunga data, protetto molesto e indisponente che non perde occasione per seminare, infilzare e tempestare di proiettili il povero bodyguard. A Bryce non rimane che parare i colpi e sposare la causa: lasciare l’Inghilterra prima di finire nelle mani del folle dittatore dell’Est Europa Vladislav Dukhovich (Gary Oldman) che li vuole morti entrambi. Hanno ventiquattr’ore di tempo per riuscirci, un’alleanza più o meno salda, un grilletto rapido e letale. Ma le chance di sopravvivenza sono drasticamente ridotte dalla possibilità che finiscano per ammazzarsi a vicenda.

Samuel L. Jackson è un killer dotato di un suo particolare codice morale che diventa testimone chiave in un processo contro un feroce dittatore bielorusso (interpretato divinamente da Gary Oldman). Ryan Reynolds, guardia del corpo d’eccellenza caduta in disgrazia, si ritrova suo malgrado a proteggere proprio colui che per anni ha tentato di ucciderlo ripetutamente. Fra i due nasce un’intesa pazzesca piena di battute folgoranti e action spiccia. Il film di Patrick Hughes piace proprio per la genuinità del suo obiettivo: far divertire senza troppe pretese, con la dovuta leggerezza. La commedia fila via che è una bellezza nella sua superficialità che però ha il merito di non scadere mai. Questo film non si prende mai troppo sul serio, nemmeno quando servirebbe serietà. Non si poteva chiedere niente di meglio.

Il budget del film è stato di 29 milioni di dollari e ha incassato 172 milioni di dollari in tutto il mondo.

Le riprese del film sono iniziate il 2 aprile 2016 e sono state effettuate tra Amsterdam, Londra e Sofia.

Il film è stato accolto negativamente dalla critica

Blade Runner 2049 posted by on 4 ottobre 2017

dal 5 ottobre 2017 al cinema

Blade Runner 2049

Fantascienza, Thriller


TITOLO ORIGINALE: Blade Runner 2049
ANNO: 2016
PAESE: USA
DURATA: 163 min.
FORMATO: colore, 2D, 3D
USCITA ORIGINALE: 6 ottobre 2017 (USA)
PRODUZIONE: Alcon Entertainment, Scott Free Productions, Thunderbird Films
DISTRIBUZIONE: Warner Bros. Italia
REGIA: Denis Villeneuve
SCENEGGIATURA: Hampton Fancher, Michael Green
CAST: Ryan Gosling, Harrison Ford, Ana de Armas, Jared Leto, Sylvia Hoeks, Robin Wright, Mackenzie Davis, Dave Bautista, Lennie James, Wood Harris, Edward James Olmos, Carla Juri, Barkhad Abdi, David Dastmalchian, Hiam Abbass, Mark Arnold

Il film è il sequel di Blade Runner, diretto nel 1982 da Ridley Scott.

Dopo una serie di violente rivolte avvenute nel 2020, i replicanti prodotti dalla Tyrell sono stati messi al bando. Nello stesso anno, un grande black out che ha distrutto quasi completamente ogni dato digitale del pianeta, e gravi cambiamenti climatici hanno dato il via a una stagione di carestie, cui si è sopravvissuti solo grazie alle colture sintetiche della Wallace, una società con a capo il misterioso Neander Wallace (Jared Leto) che – grazie a quei profitti – ha poi ha acquisito anche le tecnologie della Tyrell, sviluppando così una nuova serie di replicanti completamente ubbidienti all’uomo e dalla longevità indefinita. Nel 2049 a Los Angeles regna quindi un ordine apparente: o almeno fino quando l’Agente K (Ryan Gosling), uno dei Blade Runner incaricati di ritirare i vecchi modelli che ancora vivono in clandestinità, fa una strana scoperta nel corso di una missione, dissotterrando così un segreto rimasto tale per anni, la cui rivelazione potrebbe rivelarsi un evento catastrofico. Seguendo gli ordini dei suoi superiori, K indaga per trovare ogni persona legata a quel segreto, per nascondere così definitivamente ogni traccia di quanto va insabbiato a tutti i costi. Nel corso delle sue indagini, K inizirà a nurtire dei dubbi sulla moralità del suo operato, e arriverà a incrociare la sua strada con quella di Rick Deckart (Harrison Ford), svanito nel nulla trent’anni prima senza lasciare alcuna traccia di sé.

Il film di Villeneuve espande ed amplia in modo significativo quanto mostratoci da Ridley Scott cinque lustri fa. Ritroviamo la stessa città (Los Angeles) ma con significative aggiunte e cambiamenti; andiamo a scoprirne i dintorni e le città vicine (San Diego e Las Vegas); vediamo come il rapporto della società con i (nuovi) replicanti sia mutato radicalmente e come anche gli stessi “lavori in pelle” abbiano aspettative, sogni e sentimenti. Tutti costruiti, programmati e innestati artificialmente attraverso dei (finti) ricordi.

Ad agosto 2017 è stato annunciato che Villeneuve ha scelto tre registi per dirigere tre cortometraggi incentrati sugli eventi intercorsi tra Blade Runner e Blade Runner 2049: il primo, intitolato 2036: Nexus Dawn, è diretto da Luke Scott ed è incentrato su Niander Wallace, interpretato da Jared Leto. Il secondo cortometraggio, diretto sempre da Luke Scott, è intitolato 2048 Nowhere To Run e si concentra su personaggio di Sapper Morton, interpretato da Dave Bautista. Il terzo cortometraggio prequel Black Out 2022 è diretto da Shinichirô Watanabe e ambientato nell’anno 2022.

Le riprese del sequel di Blade Runner si sono svolte a Budapest tra l’estate e l’autunno del 2016.

Blade Runner 2049 ha ricevuto il riconoscimento da parte dei critici, che hanno elogiato le immagini e la cinematografia, la direzione, la narrativa, la recitazione, il suono e la musica.